Home » Ciclocomputer » SIGMA 23.16 STS, Echowell MW10 G, VDO M6

SIGMA 23.16 STS, Echowell MW10 G, VDO M6

CICLOCOMPUTER: COMPARATIVA SIGMA 23.16 STS, ECHOWELL MW10 G, VDO M6

Metto a confronto qui tre ciclocomputer per la bicicletta di tipo tradizionale che siano
in grado di fornire oltre ai dati classici, che riguardano quindi la velocità, la distanza, il tempo e i chilometri percorsi anche
alcuni dati relativi al ciclista. Questi dati sono: frequenza cardiaca, cadenza di pedalata e consumo di calorie.
Per questo ho cercato dei dispositivi che mantengano un utilizzo di base, semplice, e che non comporta quindi
operazioni e settaggi ad ogni inizio allenamento.

SIGMA 23.16 STS

ECHOWELL MW10G

VDO M6

Da questa comparativa di ciclocomputer quindi escluderò gli strumenti GPS.
Per questi strumenti è necessaria l’acquisizione del
segnale dei satelliti prima di partire, poi avviare e fermare la registrazione all’inizio e alla fine dell’ allenamento.
Questi computer li vedremo in altri articoli.
In questo articolo vediamo: quello della Sigma, modello 23.16 STS,
il modello ECHOWELL MW10G ed il modello digitale della VDO M6.1.

A TAL PROPOSITO VALUTERO’ LA PROGRAMMAZIONE e UNA RAPIDA PANORAMICA DEL FUNZIONAMENTO.

Si tratta di tre dispositivi wireless, quindi la trasmissione dei dati tra ciclocomputer e sensori avviene senza fili.
Ognuno dei tre sistemi di trasmissione è lievemente diverso uno dall’altro, ne dò una breve spiegazione di tutti e tre.

SIGMA 23.16 STS

Il 23.16 STS della Sigma è il ciclocomputer più completo (non-gps) del marchio Sigma.
Ha un display a cristalli liquidi ampio con una buona visibilità, può mostrare infatti fino a 7 valori in contemporanea.
E’ già fornito nella confezione dei tre sensori indipendenti: velocità, cadenza e fascia cardiaca.
Funzione molto importante e ricercata: il Sigma 23.16 è dotato di sensore barometrico,
questo permette quindi di avere anche tutti idati relativi all’altimetria ed alla pendenza percentuale, bella cosa.
Una particolare dotazione di questo strumento è la tecnologia NFC.
Questa gli permette di trasferire i dati degli allenamenti a smartphone (installando la App) sempre dotatidi questa tecologia.
In parole povere, mettendo vicino uno smartphone e il 23.16, questo trasferirà i dati senza bisogno di cavi.
Unica pecca di questa funzione è che è disponibile solo per smartphone di tipo Android….
Trovo che la programmazione iniziale del Sigma 23.16 sia abbastanza semplice:
è dotato di tre tasti sul lato inferiore, uno su quello superiore e uno subito sotto al display.
Dopo pochi minuti se ne intuisce il funzionamento e come raggiungere tutte le informazioni del display.
Durante l’impostazione iniziale ovviamente sono da inserire i dati della bici 1, la eventuale bici 2 ed i dati relativi all’utente.
La trasmissione dei dati dai sensori al ciclocomputer è di tipo STS.
Questo tipo di tecnologia è di proprietà esclusiva di Sigma, quindi
questi sensori sono utilizzabili solo con computer Sigma che hanno questa tecnologia.
Viceversa anche per il 23.16 bisogna usare solo sensori di questo tipo.
Se ho dunque una seconda bici, dovrò acquistare dei sensori STS per essa.

PUNTI DI FORZA:

Un ciclocomputer semplice, facile da usare, ma con tutte le caratteristiche che un ciclista può cercare.
Ha una programmazione e un utilizzo normale che sicuramente fanno piacere se voglio avere molte informazioni con
un ciclocomputer che comunque rimane sempre facile da gestire.

COSA SI PUO’ MIGLIORARE:

Il 23.16 STS permette anche la sincronizzazione a smartphone Android, fosse possibile trasmettere anche ad altri
tipi di smartphone non sarebbe male.

VOTO: 7,5


ECHOWELL MW10G ANT+

Il ciclocomputer MW10G è il più completo della gamma della Echowell. E’ disponibile sia in colore bianco che nero.
Il display a cristalli liquidi è a 5 valori, la visibilità è buona, ha un buon contrasto.
 
E’ dotato di 3 tasti sotto al display e di uno relativo alla sola programmazione sul retro del dispositivo.
Una funzione interessante che ha solo questo modello è quella che mi permette di impostare delle soglie minime e massime
di allenamento: si possono impostare queste soglie per la frequenza cardiaca e la frequenza di pedalata.
Per questo computer non esiste la possibilità di scaricare i dati, non esistono App o collegamenti esterni per vedere
i risultati degli allenamenti eseguiti fuori da esso.
Una mancanza di questo dispositivo è il sensore barometrico: Manca quindi la possibilità di vedere i dati relativi
all’ altimetria, al guadagno altimetrico e della pendenza della strada.
Per quanto riguarda la programmazione iniziale, risulta all’inizio un pò complessa, poi una
volta capito il funzionamento sono riuscito in modo abbastanza veloce.
Il tasto della programmazione è un pò “nascosto” dietro, dove il ciclocomputer si aggancia al supporto
del manubrio e non è comodissimo.
Nel MW10G, oltre ai dati relativi all’utente, alla bici 1 e 2, è necessario abbinare anche i sensori che qui sono di tipo ANT+.
Si tratta dello standard di sensori più famoso e utilizzato tra i ciclocomputer di media e alta gamma.
Dunque dovrò abbinare la fascia cardio ed il sensore Combo per la velocità e la cadenza. E’ infatti dotato di un sensore 2 in 1.
Lo standard ANT+ permette una perfetta compatibilità anche con altri marchi per cui in caso di una seconda bici, potremmo utilizzare
sensori anche di marche differenti, o di cui è già dotato il telaio della nostra bicicletta, purché di tipo ANT+.

PUNTI DI FORZA:

Il tipo di trasmissione dei sensori, ANT+, è uno standard universale che può far comodo se ho
questo tipo di sensori in altre biciclette che ho a casa. L’utilizzo durante l’uso è molto semplice.
Strumento molto affidabile.

COSA SI PUO’ MIGLIORARE:

Ha un design molto classico, sia della scocca che della disposizione del display e dei caratteri. Forse un
pò di rinnovamento da questo punto di vista non farebbe male. Programmazione iniziale un
pò complessa. Mancano le funzioni dell’altimetria e della pendenza, oggi sono funzioni molto richieste,
Soprattutto su computer completi come questi.

VOTO: 6,5


VDO M6 D3 DIGITALE

Ho provato questo modello della VDO e mi è parso un buon prodotto, semplice da usare e robusto. Colore bianco-nero-rosso.
Ha un display cristalli liquidi che permette di visualizzare fino a 5 valori in contemporanea, oppure, 4 valori insieme
ad un grafico che indica le zone di allenamento o l’andamento del polso.
La visibilità è buona, i caratteri infatti sono ben definiti e di grandi dimensioni.
E’ dotato di 4 pulsanti: 1 sul lato superiore e 3 in quello inferiore, la programmazione iniziale è piuttosto semplice
e l’abbinamento ai sensori avviene automatico per cui non ci sono procedure da eseguire.
 
Anche su questo computer sono disponibili tutte le informazioni: velocità, cadenza e cardio: ci sono i valori attuali, medi e massimi.
Da notare che il VDO M6 è venduto con sensore velocità e fascia cardio.
Il sensore della cadenza è a parte, se si desidera si può acquistare ed abbinarlo in un secondo momento.
Tra le funzioni più interessanti di cui è dotato di altimetro, fornendo i dati di guadagno altimetrico e di altitudine.
Questi valori vengono calcolati tramite un sensore barometrico, pertanto ad ogni inizio allenamento sarà necessario
impostare il valore dell’altitudine dell’inizio allenamento.
I sensori del VDO sono di tipo digitale D3. Non richiedono un abbinamento, si connettono automaticamente al ciclocomputer.

PUNTI DI FORZA:

Ottimo display ampio e ben leggibile. La programmazione è facile ed anche l’uso normale è facile.

COSA SI PUO’ MIGLIORARE:

La mancanza del sensore di cadenza dalla dotazione iniziale fa sì che in rapporto agli altri due
strumenti che ho visto qui sia un gradino sotto. Il costo del sensore a parte incide.

VOTO: 6,5

Qui di seguito una piccola tabella riassuntiva, di valutazione dei tre dispositivi.

 VALUTAZIONI (da 0 a 5):

                                                                       SIGMA                      ECHOWELL                          VDO              
       VISIBILITA’ DEL DISPLAY:            4                                         4                                        4
          FACILITA’ DI UTILIZZO:               5                                         3                                        4
       SOFTWARE DISPOSITIVO:             4                                         3                                        4
                       SOFTWARE ESTERNO:               3 (solo android)           /                                         / 
                                    ESTETICA:                 4                                         3                                        4
Commenti

La bici è la tua passione?

Unisciti a più di altri 1.000 ciclisti e ricevi utili consigli per ottenere il meglio dalla tua bici.

Pedalare non sarà più come prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su