Home » Ciclocomputer » GPS per Bici: quali file si utilizzano

GPS per Bici: quali file si utilizzano

Quando sono entrato nel mondo dei dispositivi GPS per la bicicletta ho conosciuto i tipi di file che essi creano, appunto, per salvare o analizzare gli allenamenti che registriamo.
Vi dico quali sono quelli che sono i più importanti e che bisogna conoscere a mio parere.

Esistono vari formati di file nel mondo dei GPS per bicicletta: GPX, BDX, KML, TCX, FIT.
Tuttavia alcuni sono un pò superati.
Cerchiamo di capire quali utilizzare, quali sono i principali, e soprattutto come e quando usarli.

  • FILE FIT

Quando il dispositivo GPS registra un allenamento in formato FIT.
Questi file FIT delle nostre registrazioni, cosa contengono?
Con il file FIT avrò la possibilità di vederne l’andamento ed analizzarlo punto per punto.
PRINCIPALI DATI CHE POSSO VISUALIZZARE IN UN FILE FIT:
– mappa del percorso,
– la velocità,
– eventuali punti di interesse fissati sulla mappa,
– la cadenza di pedalata (se ho montato il sensore di cadenza sulla bicicletta),
– altimetrie dell’uscita e dati relativi come la pendenza,
– i dati relativi al cuore ( se indosso la fascia cardio),
– consumo calorico,
– i dati relativi alla potenza ( se ho montato un potenziometro nella bici).
Un file che contiene tutti questi dati, è un dunque un file FIT.
Questi file possono essere aperti da vari siti o programmi specifici di preparatori/allenatori.
Per chi comincia con questo tipo di strumenti il nome che posso consigliare è Strava.

E’ facile da utilizzare e molto conosciuto. Una comunity-social network che permette di condividere gli allenamenti (di qualsiasi sport), solo con gli amici o con chi vogliamo.

  • FILE GPX

Un secondo tipo di file, molto in uso è il formato GPX,
Differisce dal formato FIT in quanto questo non salva i dati relativi all’allenamento.
Terrà traccia solo del percorso GPS.
Perché usare il file GPX?
Se il dispositivo GPS che possiedo ha la possibilità di fare da navigatore, o segui traccia, già sappiamo la risposta.
Infatti, inserendo nel dispositivo questo genere di file, sarà possibile ripetere il percorso uguale a come lo avevamo eseguito la prima volta.
E’ il più diffuso formato per tracce GPS, sicuramente mantenere un database dei nostri allenamenti con questo formato può darci garanzia che nel tempo avremo piena compatibilità con tutti i programmi.
  • FILE KML

Un’altro tipo di file degno di nota e da ricordare è il file KML ( si può incontrare la sua variante KMZ, che è zippata, compressa) è molto conosciuto recentemente perchè è quello utilizzato dal programma Google Maps e Google Earth.
Sicuramente è da tenere in considerazione visto le potenzialità di questi programmi.

Vediamo per un secondo alcuni GPS per bici che registrano gli allenamenti  in formato file FIT ed utilizzano i file GPX.

Sempre questi modelli possono poi utilizzare i file formato GPX per fare da navigatore, e seguire
quindi le tracce:
  • BRYTON RIDER 330

Il Rider 330 permette di registrare in formato FIT e caricare file in formato GPX.

Il prezzo dei GPS Bryton è sempre molto interessante, per vedere altri dettagli, le versioni e le offerte Amazon clicca sull’immagine.

bryton rider 330
  •  BRYTON RIDER 530

Schermo ampio che facilita la funzione del segui traccia quando usiamo la funzione di navigazione.

Anche questo ha degli ottimi prezzi, per vedere altri dettagli le versioni e le offerte su Amazon clicca sull’immagine.

bryton rider 530
  • GARMIN EDGE 520

Dispositivo GPS di Garmin, permette di vedere le mappe. Ci sono sempre ottime offerte su Amazon, con varie

configurazioni, con e senza sensori, per vedere altri dettagli le versioni e le offerte su Amazon clicca sull’immagine.

Garmin edge 520
Torniamo ai file che si utilizzano con i GPS, molto interessante e utile è sapere che su internet
esistono programmi e siti che li possono trasformare/convertire…
  • TRASFORMARE I FILE 

Su internet sono presenti pagine o piccoli programmi che permettono di convertire i file, nel formato che preferiamo.
Un portale molto interessante per questo è www.gpsies.com.
Se poi cerco tracce a volontà, un sito interessante è www.wikiloc.com
Sicuramente può esserci utile convertire, per esempio, un file FIT in un file GPX, per poterlo riutilizzare
come una traccia da seguire.
  • CONCLUSIONI 

Personalmente salvo sempre i miei allenamenti nel PC nei formati FIT e GPX. E lo consiglio anche a voi.
Sono i due formati più utilizzati e che sicuramente ci permetteranno la maggior compatibilità con programmi attuali.
Consiglio sempre di fare un salvataggio degli allenamenti, magari rinominando le tracce così da poter
Riconoscere gli allenamenti con più facilità, magari inserendo la data e con qualche parola chiave, può
Essere molto utile soprattutto a distanza di tempo.
Commenti

La bici è la tua passione?

Unisciti a più di altri 1.000 ciclisti e ricevi utili consigli per ottenere il meglio dalla tua bici.

Pedalare non sarà più come prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su